Ritrovamenti storici

La peculiarità dell’attività speleologica porta spesso ad imbattersi in reperti storici, archeologici e paleontologici. In questo caso è obbligo muoversi con cautela, non toccare nulla, effettuare un minimo di documentazione video, foto, topografica, avvertire immediatamente le autorità competenti.

I nostri soci sono così coinvolti direttamente nell’opera di tutela, studio e affiancamento degli studiosi che, senza il nostro supporto tecnico, mai potrebbero raggiungere e trattare questi ritrovamenti.

Di seguito citiamo alcuni dei principali ritrovamenti:

L’ascia della grotta del Gufo (BO)

Frequentazioni nel Sottoroccia del Farneto (BO)

Frequentazioni nella grotta S.Calindri (BO)

La Iena della grotta S.Calindri (BO)

Gli orsi della grotta Govjestica (BiH)

L’anforetta medievale nell’acquedotto romano (BO)

Il cranio della grotta Loubens (BO) 

Faune preistoriche al Paleoinghiottitoio della Cava a Filo (BO)