Novembre 2011

Scovare questa grotta è stato abbastanza divertente: ci siamo mossi per un bel po’ in fuoristrada perdendoci tra i boschi, attraversando dei posti fantastici e a tratti impegnativi.

Di ritorno da una battuta in Romanja, per vedere alcuni ingressi segnalati sulle carte, sto rimuginando il fatto che l’unica cosa degna di nota annotata di questa giornata è la scorpacciata di fragoline di bosco e lamponi. Per fortuna arriva un messaggino di Piero: “Govednica va”. “Oh! Grande”, penso. Dopo una settimana a scendere pozzi chiusi da frane in Visocica, una grotta ci voleva!

Ramo di Amila: questo il nome attribuito all’insieme di gallerie che si dipartono verso sinistra dalla prima, grande Sala del Ciclope. Scoperto durante le esplorazioni di Agosto, è di gran lunga la parte della grotta fino ad ora esplorata più ricca di concrezioni.

Usciti dal pozzo della risalita nel Mondo Nuovo si percorre una galleria: da qui, in corrispondenza di una saletta, si scorge un pertugio sulla sinistra. Superato il passaggio, ci si ritrova alla base di un pozzo che, risalito, reca ad una cengia di roccia dal fondo sdrucciolevole. E’ da qui che ha inizio quello che verrà chiamato il Ramo dei Traversi.

Scrivici

scrivici!

Se vuoi sapere o ti serve qualcosa in particolare non esitare a contattarci.




Per iscriversi al corso di Speleologia è necessario inviare una mail tramite l’apposito modulo nella sezione Corso di I livello.

x